Home Videos The Contucci Saga, Chapter Two – Italian Wine Series

The Contucci Saga, Chapter Two – Italian Wine Series

9 min read
0
0
7



History of Montepulciano wines based on Adamo of Contucci, the oldest wine cellar of Montepulciano.

un vecchio indietro a questa prima
collina che si vede che a destra c’è
questa cosa che sale subito l’thought e
facemmo un invecchia 500 fino a tutto il
settecento fino period l’oro e di
montepulciano perché le cantine sono
dentro un paese per chiaro come delle
banche erano erano thoughtful la
ricchezza di montepulciano
perciò period niente venivano quindi a
tutto il mondo a studiare il vero
perché esiste montepulciano d’abruzzo
segue se il barone dal mio perché period
period il high del high della tecnica
l’ultima vinicola the dei secoli passati
il palazzo è della metà del 1500
l’architetto è antonio da sangallo il
vecchio edificazione il palazzo è stata
fatta su quelle che poi oggi sono le
cantine che sono esattamente sotto che
sono antecedenti perché sono medievali
ma è successo della copertina
una parola carriera questo studio ci
vengono a uccidere i nemici di musica
grafica su questo strumento è una
specie di stradivari dei pianoforti e
allo strumento su cui la più importante
musica classica della storia è stata
composta
i locali dove ora siamo sono del 1200
che i locali sotto perché sotto abbiamo
tre piani al piano terra facciamo la
verificazione arriva all’uva noi
evidentemente facciamo la vende il mio
manuale la facciamo in piccole cassette
da 30 chili di uva che portiamo poi al
primo piano sotto di noi e ripeto sono
tre piani quelli sono del 1050 sono
proprio nella roccia nel sasso nella
fortificazioni di montepulciano questa
slavonia sono volti che hanno 78 anni
poi devo dire parlando di quella che gli
assaggi noi abbiamo anche adamo
soprattutto fa quella che è la
spillatura dalla voce perché proprio
qui al 100 della botte
non vogliamo assaggia vini quelli in
metallo perché i primi l’hanno sempre
se word sapori così qui c’è un piccolo
buco chiuso con della cera d api
abbiamo una spina uno spillo qui entra
esce lo zampino e poi lo liquidiamo c’è
una spatolina che lo rifiuti che ci fa
caso tutti lì e io oggi ormai molte
molti si trovano cose mortai
abbiamo tutte con lo sportello in legno
che anche questo con l’agire il
cantiniere bravo riesce a richiudere lo
sportello al cielo come si cube questa
è una gara della dld proprie francese
quest’anno 16 17 anni e quindi usiamo
questi criteri tradizionali quindi non
forziamo mai il vino la stessa
imbottiglia tura che facciamo la
facciamo a caduta perché nella notte
imbottigliatrici devo andare dall alto
il vino e non con delle pompe che
tendono a sbatterlo al vino
nel delicato e quindi un essere vivente
che cerchiamo di tutelare da al massimo
queste sono le botti più grande che
abbiamo
queste sono i due monti che sono di 25
toni ci sono le più grandi che
attualmente trovate e di queste tre
barrique ruote sono la testimonianza che
noi abbiamo provato le barrique però
quelle mani che comprarono lo zio babbo
negli anni 90 quando c’period la moda che
la partita in quel momento alla moda
deve lavare il che sembrava che il vino
si potesse false salvare il che la gente
veniva a montepulciano e tra man cantina
girava girava e poi tornava di c quando
isole barry vincerà nella cupola del
fiume nostra privata problema
qui sotto si va alla cantina nel
passaggio quelle passate nostro servizio
è un passaggio che vale parti basse
della cantina però qui si vede la
struttura antica del di questa
costruzione dove la muratura è
integrata alla roccia della montagna
qui si va veramente nella della bonilla
scendiamo nel passaggio segreto quella
che period una grande miglia segreta di
uscita fino a alle spalle della fortezza
dove c’è la serie dell’anteprima c’è
riuscita dall’altra parte a è aperta e
che è crollato qui
leggendo dei libri aziendali del 1800 la
sensazione che dei miei antenati fossero
stati dei rivoluzionari quando io le
dicevo dopo l’unità d’italia nel senso
che vedendo le cose come erano allora è
quello che facevano mi sembravano
all’avanguardia per te loro cosa perché
forse noi ci siamo caricati sulle spalle
rivoluzionari a volte conservatorio e
cioè rivoluzionari quando si vede che
la zona sta morendo
ora bisogna fare qualcosa per svegliare
conservatori quando c’è il rischio come
stato si è parlato di barrique si è
parlato di merlot seba quando c’è il
rischio che la nostra zona perda quelle
che sono le popolarità optimistic dei
2500 anni di storia
allora in quel momento bisogna frenare
bisogna rimanere attaccati alle dita
alla fortuna e di avere avuto sempre
qualcuno della famiglia
andrea aveva scelto un’altra grana
io ho fatto il liceo classico e ho fatto
scienze politiche e scienze politiche
indirizzo diplomatico consolare la mia
potenziate vita sarebbe dovuta quella
sarebbe niente rivela ed entra 20 plo
mazzia quando si arrivò al momento di
scegliere invece questo cordone
ombelicale di cui pardo e le nostre
scelte sono sempre state scelte autonome
può montare però evidentemente c’è un
colpo rosa è quasi un anno
predisposizione rilevanza perché la

source

Load More Related Articles
Load More By smartmal
Load More In Videos

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also

Yummy No Bake Rum Balls

These rum balls are straightforward to make.  They don’t even require any cooking.  …